ACTION PAINTING ARTE TERAPIA

DOCENTE DI DISEGNO E STORIA DELL' ARTE
Marinella Galletti

Il progetto ha ottenuto la promozione dell' Assessorato alla Cultura del Comune di Cento e il Patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione, Ufficio Scolastico di Ferrara
Scuola Media "Il Guercino" Cento

APPUNTI PER UN METODO DI RICERCA IN ARTETERAPIA

Chi si appresta a fruire di percorsi formativi afferenti la didattica dell’ arte o l’ arte terapia presuppone che il fare, l’ agire con uso di materiali grafici o plastici, sia di per sé un percorso terapeutico, di sostegno psicologico. Così intesa, ogni esperienza di uso di materiali espressivi potrebbe dirsi esperienza compiuta “arteterapeutica”.

Spesso, gli utenti sono invitati a sperimentare percorsi soggettivi grafico espressivi o di approccio all’ uso di diversi materiali, guardando e studiando le opere d’ arte, con l’ obiettivo di modificarle, rifarle. L’ invito a mettersi in gioco, consente al singolo di lasciare una traccia di sé, liberare una parte del proprio mondo interiore, diventare il mezzo per riappropriarsi di qualcosa. Sia che si tratti di manipolazione di riproduzioni di immagini prodotte nel mondo e pensate da altri e, in quanto ripensate dai diversi soggetti che le hanno visitate, capaci di stabilire una relazione di appartenenza perché condivisione dell’ esperienza; sia che si tratti di scarabocchi, immersioni nel colore, per la produzione di immagini casuali o inconsce, oppure di immagini semplicemente accostate a tecniche e a linguaggi visivi.

In ogni caso, si è reso visibile qualcosa che viene offerto come nuova lettura di sé, ciò che, più o meno profondamente, può essere accettato dal soggetto: un significato, suggerito dall’ arteterapeuta, che l’ utente aggiunge, alla propria esperienza personale. Valori emersi in quanto rivelazioni tratte da un proprio fare.

Perciò, in terapia, o introducendo il valore terapeutico del fare arte, spesso ci si riferisce unicamente all’ osservazione e all’ attenzione rivolta alla ricerca e all’ interpretazione psicologica dei bisogni profondi del soggetto; generalmente, l’ interesse all’ elaborazione artistica non è in primo piano. L’ arteterapeuta non si occupa del fare artistico, se non per decodificare il contenuto espresso graficamente.

Personalmente, ritengo che la funzione dell' “Arteterapia” sia pienamente realizzata quando l’ elaborato prodotto entra nel merito dell’ arte, perché lo si "dichiara" fruibile dell' artisticità che gli è propria, riconoscendogli la capacità di autonomia espressiva.
Se, infine, ad averlo realizzato sono degli adolescenti, la libertà verso cui l' arte ci "incammina" è mostrata con grande forza. "Libertà" è la vera "terapia".

DOCENTE DI DISEGNO E STORIA DELL' ARTE   Marinella  Galletti
1 / 39 enlarge slideshow
DOCENTE DI DISEGNO E STORIA DELL' ARTE Marinella Galletti
ACTION PAINTING COME ARTETERAPIA

Nel percorso ideato, i criteri metodologici sono finalizzati a precisi obiettivi:

1) La parete bianca accentua il valore del riflettere su di sé ed agevola il fare in forma euristica; sono escluse influenze visive: gli utenti sono invitati ad agire, osservandosi reciprocamente all’ interno del piccolo gruppo, per divenire ognuno protagonista, attore di una nuova gestualità, realizzata per mezzo dell’ immersione nel colore e dando il via a forme casuali o inconsce, inizialmente, lasciando inespressa ogni rilevazione di carattere psicologico;

2) La diffusione, all’ interno dell’ ambiente di “azione”, di suggestioni musicali o poetiche al fine di creare stimoli sensoriali immaginativi oltre che suscettibili di processi legati alla memoria;

3) Attribuzione del valore “magmatico” su quanto casualmente emerso;

4) Gli utenti sono invitati a riconoscere le forme grafico pittoriche emerse come possibili nuove soluzioni visive, che necessitano di essere ulteriormente “agite”: immagini a cui dare vita e ruolo, separandole da sé, e da ogni possibile psicologismo, bensì approfondendo le tecniche e le conoscenze del codice visivo. Tutto rimane collegato al mondo delle immagini;

5) L’ alternarsi, all’ interno dei gruppi di “azione” di momenti in cui agire ad altri in cui essere spettatori dei compagni. Vengono così a stabilirsi relazioni in cui gli “spettatori della ricerca, delle altrui performances”, acquisiscono sensazioni visive, gestuali, tattili ed emotive utili a promuovere i propri successivi interventi;

Spesso, chi si accinge a questa esperienza, contribuisce a un risultato in situazione di gruppo, oppure, singolarmente, sceglie di completare immagini alla ricerca di soluzioni “artistiche”, talvolta interagendo su forme precedentemente emerse dalla gestualità del gruppo, o proprie;

6) Il valore della parola recuperata, solo al termine del percorso, in cui lasciare esprimere ai soggetti i possibili significati attraverso riflessioni personali e abbinando un “titolo” ad ogni lavoro;

7) Concludere il percorso mettendo in rilievo l’ aspetto creativo, poetico, artistico, riflettendo sulla forma, sul colore, in senso estetico, stilistico; nonché sulla propria azione e sulla scoperta del nuovo.

8) La massima finalità di questo percorso si concretizza grazie all’ installazione dei risultati emersi in luogo pubblico, assimilabile a una mostra, per la fruizione collettiva. Avendo, così, attraversato la funzione terapeutica dell’ arte quale potente stimolo a perseguire, percorrere la creatività, per ritrovare nell’ arte il fine proprio, fonte delle idee, che originando cultura, costruiscono coraggiosamente le diverse esperienze per qualificare l’ esistenza.
NELLA CORTECCIA
2 / 39 enlarge slideshow
NELLA CORTECCIA
FORESTA INCANTATA
3 / 39 enlarge slideshow
FORESTA INCANTATA
LA CARICA DELLE 101 RIGHE
4 / 39 enlarge slideshow
LA CARICA DELLE 101 RIGHE
SNAKES
5 / 39 enlarge slideshow
SNAKES
OPS MI E' CADUTA LA BOTTIGLIA
6 / 39 enlarge slideshow
OPS MI E' CADUTA LA BOTTIGLIA
FUOCO SULLE COLLINE
7 / 39 enlarge slideshow
FUOCO SULLE COLLINE
ENERGIA
8 / 39 enlarge slideshow
ENERGIA
STILO E STILA
9 / 39 enlarge slideshow
STILO E STILA
CASTELLO SULLA LOIRA
10 / 39 enlarge slideshow
CASTELLO SULLA LOIRA
GRANDE BOOM
11 / 39 enlarge slideshow
GRANDE BOOM
THE DAY AFTER PIECE
12 / 39 enlarge slideshow
THE DAY AFTER PIECE
FIRE
13 / 39 enlarge slideshow
FIRE
THE BIG ONE
14 / 39 enlarge slideshow
THE BIG ONE
STRADA PER IL CIELO
15 / 39 enlarge slideshow
STRADA PER IL CIELO
IL SERPENTE PIUMATO
16 / 39 enlarge slideshow
IL SERPENTE PIUMATO
IGNOTO
17 / 39 enlarge slideshow
IGNOTO
18 / 39 enlarge slideshow
LE SOLEIL
19 / 39 enlarge slideshow
LE SOLEIL
NUTELLA
20 / 39 enlarge slideshow
NUTELLA
MACCATURO
21 / 39 enlarge slideshow
MACCATURO
STELLE FIORI
22 / 39 enlarge slideshow
STELLE FIORI
RIFUGIO
23 / 39 enlarge slideshow
RIFUGIO
FRUTTIFERO
24 / 39 enlarge slideshow
FRUTTIFERO
FOTOSINTESI
25 / 39 enlarge slideshow
FOTOSINTESI
MOUSE
26 / 39 enlarge slideshow
MOUSE
MAGMA
27 / 39 enlarge slideshow
MAGMA
E+M=EM
28 / 39 enlarge slideshow
E+M=EM
PIANGENTE
29 / 39 enlarge slideshow
PIANGENTE
MOTO AND LOVE
30 / 39 enlarge slideshow
MOTO AND LOVE
FIRE
31 / 39 enlarge slideshow
FIRE
IMPRONTE
32 / 39 enlarge slideshow
IMPRONTE
BLOOD
33 / 39 enlarge slideshow
BLOOD
THE RAPPER
34 / 39 enlarge slideshow
THE RAPPER
35 / 39 enlarge slideshow
36 / 39 enlarge slideshow
37 / 39 enlarge slideshow
38 / 39 enlarge slideshow
39 / 39 enlarge slideshow
loading